Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2010 Ottobre;59(10) > Minerva Stomatologica 2010 Ottobre;59(10):561-9

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale

Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0926-4970

Online ISSN 1827-174X

 

Minerva Stomatologica 2010 Ottobre;59(10):561-9

 REVIEW

Lesioni del nervo linguale nel trattamento chirurgico delle ranule: caso clinico

Biglioli F., Battista V., Marelli S., Valassina D., Colombo V., Bardazzi A., Tarabbia F., Colletti G., Rabbiosi D., Autelitano L.

Maxillo-Facial Surgery Department, San Paolo Hospital, University of Milan, Milan, Italy

Le lesioni iatrogene a carico del nervo linguale (LN) sono piuttosto comuni sia in chirurgia orale sia in chirurgia maxillo-facciale a causa della posizione superficiale del nervo che decorre lungo il pavimento orale laterale, al di sotto della mucosa. L’articolo tratta l’etiologia delle lesioni iatrogene del LN focalizzandosi su quelle causate dal trattamento chirurgico delle ranule; in particolare, riporta un caso clinico di lesione del LN avvenuto durante l’escissione di una ranula a livello del pavimento orale, cui è seguita anestesia e iperpatia nel territorio di innervazione. La lesione è stata trattata con una anastomosi microneurochirurgica, dopo escissione del neuroma da amputazione. La ripresa funzionale, dopo l’intervento chirurgico, è comparsa dopo sei mesi ed è stata soddisfacente con una parziale e definitiva ripresa della sensibilità pari al 70% rispetto al lato controlaterale
Viene inoltre proposto un algoritmo dignostico e terapeutico delle lesioni iatrogene a carico dei nervi sensitivi. In casi di trattamento chirurgico, la ripresa funzionale compare dopo 4-6 mesi con un recupero che può arrifare al 70% della funzionalità complessiva del nervo. La variabile che più influenza la ripresa funzionale è la tempistica del trattamento chirurgico che deve essere effettuato il prima possibile.

lingua: Inglese, Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina