Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2010 Maggio;59(5) > Minerva Stomatologica 2010 Maggio;59(5):291-8

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

Minerva Stomatologica 2010 Maggio;59(5):291-8

 CASI CLINICI

Caso clinico a undici anni di un incisivo centrale superiore avulso e reimpiantato tardivamente

Balleri P., Veltri M., Ferrari M.

Department of Odontostomatologic Sciences, University of Siena, Siena, Italy

Una bambina di 12 anni si è presentata con un incisivo centrale superiore avulso a seguito di un trauma occorso due giorni prima. Il dente avulso è stato trattato endodonticamente e reimpiantato. Nonostante l’anchilosi e il riassorbimento radicolare di sostituzione, il dente è stato mantenuto per un periodo molto favorevole di nove anni dopo il trauma senza inoltre mostrare segni di grave infraocclusione. Quando si è resa necessaria l’estrazione, nonostante la discreta atrofia, per il compromesso sviluppo dell’osso alveolare dovuto all’anchilosi, la paziente, senza ricorso a procedure rigenerative, è stata riabilitata in via definitiva con una corona sostenuta da un impianto.
In conclusione, il reimpianto ritardato nei bambini richiederà un impegno terapeutico a lungo termine. Nei casi più favorevoli, denti reimpiantati tardivamente possono essere mantenuti per periodi molto lunghi evitando perciò l’atrofia ossea che avrebbe accompagnato una perdita precoce del dente e, di conseguenza, riducendo le necessità di rigenerazione ossea quando sarà richiesto un restauro definitivo sostenuto da impianto.

lingua: Inglese, Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina