Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2010 Maggio;59(5) > Minerva Stomatologica 2010 Maggio;59(5):253-8

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

Minerva Stomatologica 2010 Maggio;59(5):253-8

 ARTICOLI ORIGINALI

Aumento di temperatura durante la polimerizzazione adesiva e composita con differenti sorgenti di “light curing”

Pereira Da Silva A. 1, Alves Da Cunha L. 1, Pagani C. 1, De Mello Rode S. 2

1 Department of Restorative Dentistry, UNESP - São Paulo State University, São José dos Campos, Brazil
2 Department of Dental Materials and Prosthesis, UNESP - São Paulo State University, São José dos Campos, Brazil

Obiettivo. Questo studio ha valutato l’aumento di temperatura del sistema adesivo Single Bond (SB) e delle resine composite Filtek Z350 flow (Z) e Filtek Supreme (S), quando vengono polimerizzate con LED (LED XL 3000) e con lampada di alogeno di quartz-tungsteno (QTH Biolux).
Metodi. In 80 denti incisivi di bovino sono state preparate cavità di classe V (3x2 mm) in condizioni standardizzate. I pazienti sono stati così suddivisi: G1: gruppo di controllo; G2: SB; G3: SB + Z; G4: SB + S. I gruppi sono stati ulteriormente suddivisi in due sottogruppi per polimerizzazione (A: QTH, B: LED). Il trattamento di “light curing” è stato effettuato per 40 secondi e la misurazione delle modificazioni della temperatura durante la polimerizzazione è stata condotta con una termocoppia posizionata all’interno della camera pulpare. I dati sono stati analizzati dal punto di vista statisticao utilizzando il test ANOVA e il test di Tukey.
Risultati. I fattori materiale (P<0,00001) e unità di “curing” (P<0,00001) hanno influenzato in maniera statisticamente significativa l’aumento della temperatura. Il minor aumento della temperatura (0,15 °C) è stato registrato nel gruppo G2 B, mentre il più elevato è stato indotto nel gruppo G1 A (0,75 °C, P<0,05). In tutti i gruppi, misurazioni di temperature minori nella camera pulpare sono state ottenute utilizzando il LED rispetto al QTH (P<0,05).
Conclusioni. Il QTH ha determinato un maggiore incremento della temperatura dei denti rispetto al LED. Tuttavia, entrambe le sorgenti non hanno aumentato la temperatura pulpare al di sopra del valore critico che causerebbe il danno pulpare.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina