Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2010 May;59(5) > Minerva Stomatologica 2010 May;59(5):245-52

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Stomatologica 2010 May;59(5):245-52

lingua: Inglese, Italiano

Distribuzione del tumore di Warthin nella ghiandola parotide. Probabile legame etiologico con il tessuto linfonodale

Colella G. 1, Biondi P. 1, Itro A. 1, Compilato D. 2, Campisi G. 2

1 Department of Oral and Maxillofacial Surgery, Second University of Naples, Naples, Italy
2 Department of Oral Sciences, Oral Medicine Unit, University Hospital of Palermo, Palermo, Italy


PDF  


Obiettivo. Il tumore di Warthin (TW) è la seconda neoplasia più comune della ghiandola parotide dopo l’adenoma pleomorfo (AP). Insorge principalmente dal polo inferiore del lobo superficiale della parotide (es. coda della parotide), un sito con la più grande distribuzione di linfonodi intraparotidei, e la sua eziopatogenesi è ancora poco chiara. Lo scopo di questo studio è quello di supportare lo stretto legame etiologico ipotizzato tra questo tumore e i linfonodi intraparotidei, essendo essi massivamente presenti nella coda, valutando la distribuzione del WT nella ghiandola parotide.
Metodi. Settantuno TW escissi da 64 pazienti sono stati confrontati retrospettivamente con 134 AP escissi da 133 pazienti controllo. In tutto il campione, la stadiazione dei tumori della ghiandola parotide è stata definita attraverso la sonografia e la risonanza magnetica. Inoltre, la localizzazione del tumore, la dimensione, la bilateralità e la multifocalità sono state stabilite tramite le evidenze radiologiche, intraoperatorie e istopatologiche.
Risultati. Il TW è stato principalmente ritrovato nella coda (73%), meno nel lobo superficiale (23%) e nel lobo profondo (4%) della parotide. Il TW si è presentato con lesioni bilaterali e sincrone nel 10% dei casi contro lo 0,75% dei controlli.
Conclusioni. Poiché la coda presenta la più grande distribuzione di linfonodi intraparotidei, i nostri risultati sulla localizzazione parotidea del TW potrebbero suggerire la possibile origine di questo tumore da inclusioni epiteliali duttali della ghiandola salivare, rimaste intrappolate, durante l’embriogenesi, all’interno dei linfonodi intra-parotidei, e potrebbe supportare l’ipotesi di una eterotopia nella patogenesi del TW. Tuttavia, quest’ipotesi suggestiva basata solamente su dati clinici e “topografici” dovrebbe essere confermata da studi istopatologici relativamente alla presenza di elementi epiteliali duttali all’interno dei linfonodi intraparotidei.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail