Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2010 Aprile;59(4) > Minerva Stomatologica 2010 Aprile;59(4):223-31

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Stomatologica 2010 Aprile;59(4):223-31

lingua: Inglese, Italiano

Lembo libero di perone rivascolarizzatoper la riabilitazione implantare in caso di atrofie estreme

Baj A. 1, Bellocchio G. 1, Laganà F. 1, Beltramini G. A. 1, Testori T. 2, Giannì A. B. 1

1 Department of Maxillo-Facial Surgery, IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi, University of Milan, Milan, Italy;
2 Department of Odontology, IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi, University of Milan, Milan, Italy


PDF  


La ricostruzione ossea nelle atrofie mascellari estreme, come una Classe VI secondo la classificazione di Cawood, può essere realizzata mediante lembi liberi con componente ossea. I lembi microvascolari rappresentano una valida opzione per la riabilitazione pre-protesica dei mascellari atrofici. Nel corso degli ultimi 5 anni il ricorso a trapianti rivascolarizzati di osso finalizzati alla riabilitazione implanto-protesica è diventata pratica che ha progressivamente trovato le giuste indicazioni e uno spazio di utilizzo ormai diffusamente riconosciuto. La chiave del successo dell’utilizzo di lembi liberi risiede probabilmente nella ricerca delle corrette indicazioni all’utilizzo, nella meticolosa programmazione e nella particolare motivazione che questo tipo di paziente hanno nel ritrovare una funzione masticatoria ottimale. La riabilitazione implantare protesica finale deve essere protesicamente guidata ed una accurata pianificazione pre-operatoria è assolutamente basilare per ridare al paziente estetica e funzionalità attraverso una protesi fissa. Gli autori presentano un caso di riabilitazione di un’estrema atrofia mascellare e mandibolare.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

bajalessandro@hotmail.com