Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2009 Novembre-Dicembre;58(11-12) > Minerva Stomatologica 2009 Novembre-Dicembre;58(11-12):593-600

ULTIMO FASCICOLOMINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Stomatologica 2009 Novembre-Dicembre;58(11-12):593-600

lingua: Inglese

Microleakage dei ripristini adesivi occlusoprossimali, effetto dell'umidità della dentina dopo incisione ad acido

Carpena Lopes G. 1, Colle Zanette A. 2

1 Department of Operative Dentistry, Federal University of Santa Catarina, Florianópolis, Brazil;
2 School of Dentistry, University of Santa Catarina, Tubarão, Brazil


PDF  ESTRATTI


Obiettivo. L'obiettivo di questo studio era di valutare l'effetto dell'umidità della dentina dopo incisione ad acido sulla sigillatura marginale nei ripristini occluso-prossimali con composito.
Metodi. Novanta preparazioni occluso-prossimali sono state effettuate nei denti posteriori con margine gengivale nella dentina. I denti preparati sono stati suddivisi in 3 gruppi (N=30) in base al tipo di solvente dell'adesivo (etanolo/acqua=SB, Single Bond 3M ESPE, acetone=PB, Prime & Bond NT Dentsply, ed etanolo=OP, OptiBond Solo Plus, Kerr), e in 3 sottogruppi (N=10) in base alle tipologie di trattamento della cavità dopo risciacquo dell'acido ( 1) cavità “air-dried” per 10 s ad una distanza di 1 cm; 2) cavità “blot-dried” con pellet di cotone leggermente umido; 3) cavità con eccesso visibile di acqua). Il composito ibrido è stato applicato in quattro incrementi. Dopo 24 ore, i denti sono stati sottoposti a termociclaggio (500 cicli, 30 s, 5-55 °C) e immersi in fucsina basica 0,5% per 4 ore. I denti sono stati puliti, asciugati e sezioanti. L'estensione del microleakage è stata analizzata sulla base di una scala 0-5 nel margine di dentina. I margini di smalto sono stati verificati per la presenza o assenza di microleakage. I dati sono stati analizzati con il Kruskal Wallis test (P<0,05).
Risultati. I punteggi mediani di microleakage nei margini di dentina erano: SB-a=1, SB-b=0, SB-c=1, PB-a=1, PB-b=1, PB-c=2, OP-a=0, OP-b=1, OP-c=1. Prendendo in considerazione i sistemi di legame, PB ha determinato un maggior tasso di microleakage rispetto a SB e OP (P=0,0316). Nei gruppi in cui la cavità aveva un eccesso visibile di acqua vi era un maggior grado di microleakage rispetto ai sottogruppi con cavità asciutta (P=0,048). Nei margini dello smalto, la mediana era 0 per tutti i gruppi.
Conclusioni. Una miglior sigillatura marginale è ottenuta nei margini di dentina di cavità occluso-prossimali quando esse sono “air-dried” o “blot-dried” con pellet di cotone dopo incisione ad acido.

inizio pagina