Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2009 Novembre-Dicembre;58(11-12) > Minerva Stomatologica 2009 Novembre-Dicembre;58(11-12):577-84

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Stomatologica 2009 Novembre-Dicembre;58(11-12):577-84

lingua: Inglese

Valutazione dello stress da polimerizzazione contrazione di compositi fotoattivati da lampada alogena e da diodo ad emissione luminosa

da Fonseca Roberti Garcia L., Zago Naves L., Correr-Sobrinho L., Consani S.

Department of Restorative Dentistry, Dental Materials Area, Piracicaba School of Dentistry, Campinas State University
Piracicaba, São Paulo, Brazil


PDF  


Obiettivo. L’obiettivo di questo studio era di confrontare lo stress da polimerizzazione contrazione di compositi fotoattivati da due sorgenti di luce: la luce alogena al quarzo tungsteno (quartz tungsten halogen light, QTH) e il diodo ad emissione luminosa (light emitting diode, LED).
Metodi. Sono state fabbricate delle barre di vetro (5 mm ¥ 5 cm ) e una delle superfici è stata corrosa con ossido di alluminio. Un adesivo era stato applicato sulla sua superficie e fotoattivato con LED. Le barre di vetro sono state assemblate con una macchina Universal Testing (Instron - 5565) e i compositi sono stati applicati a una sbarra più bassa utilizzando uno strumento manuale. La barra superiore era stata posizionata in prossimità, a 2 mm, e un estensometro è stato attaccato alle barre. I venti compositi sono stati polimerizzati da QTH (N.=10) o da LED (N.=10). La polimerizzazione è stata ottenuta utilizzando due apparecchi posizionati ai lati opposti, simultaneamente attivati per 30 secondi. Lo stress da contrazione è stato analizzato due volte: poco dopo la polimerizzazione (t30s) e 30 minuti più tardi (t30min).
Risultati. Lo stress da contrazione per tutti i compositi era maggiore a t30min rispetto a t30s, indipendentemente dalla sorgente di attivazione. Z100 ha mostrato valori di stress da contrazione minori (P<0,05) rispetto agli altri compositi. Per quanto riguarda Charisma e TPH, la sorgente di fotoattivazione non ha mostrato alcun influenza sullo stress da contrazione, eccezion fatta per Z100 a t30min.
Conclusioni. La composizione dei compositi è il fattore che più influenza lo stress da polimerizzazione contrazione.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

lucasgarcia@fop.unicamp.br