Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2009 June;58(6) > Minerva Stomatologica 2009 June;58(6):307-15

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Stomatologica 2009 June;58(6):307-15

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese, Italiano

Il trattamento di protrazione mascellare: descrizione di una tecnica chirurgica laser Er:Yag assistita. Caso clinico

Giordano M., Turatti G., Parodi G., Luciani M., Laganà D.

Department of Dentistry and Maxillo-Facial Surgery Martini Hospital, Turin, Italy


PDF  


Il trattamento di espansione chirurgicamente assistita del mascellare superiore (surgically aided rapid maxillary expansion, SARME) trova indicazione nei casi di ipoplasia basale, associata a riduzione dei diametri trasversi, anche in assenza di crossbite mono o bilaterale, nel soggetto a fine crescita. In tali casi l’esecuzione di osteotomie mirate ha lo scopo di ridurre le resistenze suturali e facilitare l’espansione del complesso mascellare. Viene riportato un caso clinico in cui è stata effettuata l’espansione chirurgica del mascellare mediante laser Er:Yag, strumento in grado di effettuare corticotomie selettive senza determinare danni iatrogeni a carico dei tessuti molli. Il trattamento ortodontico ha previsto l’uso di un espansore ortodontico cementato su bande, l’applicazione di una trazione ortopedica di III classe (maschera di Petit) e successivamente un’apparecchiatura fissa ad entrambe le arcate. I record radiografici iniziali e i relativi tracciati cefalometrici sono stati ripetuti al termine della fase di protrazione mascellare (60 giorni dopo la chirurgia) ed alla fine del trattamento ortodontico. La tecnica ha dimostrato dei vantaggi notevoli rispetto alle metodiche tradizionali per la sicurezza di esecuzione, la precisione di taglio e l’assenza di complicazioni significative nel periodo postoperatorio. Il trattamento ortodontico è stato condotto secondo i protocolli normalmente in uso, e ha dato risultati sovrapponibili a quelli rilevati in letteratura.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail