Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2009 January-February;58(1-2) > Minerva Stomatologica 2009 January-February;58(1-2):35-42

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Stomatologica 2009 January-February;58(1-2):35-42

Copyright © 2008 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese, Italiano

Anchilosi bilaterale post-traumatica dell’articolazione temporomandibolare: descrizione di un caso trattato mediante artroplastica interposizionale

Manfredini D., Bucci M. B., Guarda-Nardini L.

Department of Maxillo-Facial Surgery University of Padua, Padua, Italy


PDF  


L’anchilosi dell’articolazione temporo-mandibolare (ATM) è una patologia che conduce al deterioramento della funzione articolare ed alla limitazione dell’apertura della bocca. Il trattamento chirurgico dell’anchilosi dell’ATM può essere eseguito mediante differenti tecniche operatorie. Il presente lavoro riporta un caso di anchilosi bilaterale post-traumatica della articolazione temporo-mandibolare. La paziente aveva riportato fratture condilari bilaterali a seguito di un incidente stradale che sono esitate in un progressivo decremento del range di apertura della bocca (22 mm) con anomala occlusione dentale. Nessun trattamento conservativo o di chirurgia miniinvasiva si è rivelato efficace nel migliorare la mobilità mandibolare, ed è stata richiesta una tomografia computerizzata (TC) per la pianificazione dell’intervento chirurgico. La TC ha evidenziato una severa anchilosi a carico di entrambe le ATM con presenza di un frammento osseo localizzato medialmente rispetto al condilo. La tecnica chirurgica adottata è stata l’artroplastica con interposizione di un lembo combinato (muscolo temporale, fascia e periostio). Il decorso postoperatorio non ha presentato imprevisti, e la paziente ha potuto intraprendere un’appropriata terapia di riabilitazione fisiatrica nei giorni immediatamente successivi all’intervento. Il controllo a cinque anni ha mostrato un mantenimento dei miglioramenti ottenuti con l’intervento, con un’apertura della bocca di 46 mm. L’artroplastica dell’ATM con interposizione di materiale autogeno rappresenta una efficace tecnica chirurgica per il ripristino della funzione articolare e per la prevenzione delle recidive nei casi di anchilosi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail