Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2008 October;57(10) > Minerva Stomatologica 2008 October;57(10):549-55

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Stomatologica 2008 October;57(10):549-55

lingua: Inglese, Italiano

Fibroma ameloblastico mandibolare in bambina di 6 anni: caso clinico

Anesi A. 1, Albanese M 1., Gerosa R. 1, Corrocher G. 1, Gambarini G. 2, Nocini P. F. 1

1 Department of Dentistry and Maxillofacial Surgery University of Verona, Verona, Italy
2 Department of Dentistry La Sapienza University, Rome, Italy


PDF  


Il fibroma ameloblastico (AF) è definito secondo la classificazione WHO come “una forma neoplastica composta da un epitelio odontogeno proliferante frapposto a un tessuto ectomesenchimale assomigliante alla papilla dentaria, presentante vari gradi di modificazioni indotte e formazioni simil tessuto duro”. AF è un tumore piuttosto insolito, rappresentando il 2,6 % di tutte le neoformazioni odontogene. AF è da considerarsi un vero tumore misto, nel quale gli elementi endoteliali e ectomesenchimali sono di natura neoplastica. AF insorge a qualsiasi età, dai 6 ai 42 anni (media da 14,6 ai 15,5 anni) e non presenta predilezione di sesso. La lesione si presenta in circa il 70% dei casi in regioni posteriori della mandibola. I pazienti presentano riscontro occasionale di tumefazione mandibolare in assenza di quadro algico. Gli Autori descrivono l’iter clinico-chirurgico intrapreso per il trattamento di un rilevante fibroma ameloblastico mandibolare in una bambina di 6 anni.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail