Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2008 Aprile;57(4) > Minerva Stomatologica 2008 Aprile;57(4):189-98

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Stomatologica 2008 Aprile;57(4):189-98

lingua: Inglese, Italiano

Attività osteo-promotrice in vitro di OSTEOPLANT® ANGIOSTAD

Bellone G,, Scirelli T., Emanuelli G.

Department of Clinical Physiopathology University of Turin, Italy


PDF  


Obiettivo. Si avverte una crescente necessità di reperire materiali validi e facilmente disponibili per il trattamento di ampie perdite di sostanza ossea, uno dei problemi più rilevanti nel campo odonto-maxillo-facciale. Lo studio esamina gli effetti in vitro di OSTEOPLANT® ANGIOSTAD, un prodotto sviluppato per aumentare la osteoinduttività.
Metodi. Le proprietà biologiche del prodotto sono state valutate esaminando: la vitalità di cellule staminali mesenchimali (CSM) di origine midollare in coltura mediante il test del sale solubile di tetrazolio; il rilascio da parte di queste cellule del fattore di crescita trasformante (transforming growth factor, TGF)-β mediante il test immunoassorbente legato agli enzimi (ELISA); e la capacità migratoria delle CSM e delle cellule endoteliali, rispettivamente, mediante il test di riparazione della ferita e di migrazione attraverso Transwell in vitro.
Risultati. OSTEOPLANT® ANGIOSTAD ha preservato la vitalità delle CSM e ha migliorato la loro capacità di liberare TGF-β1. Inoltre ha favorito la riparazione della ferita in vitro da parte delle CSM e la migrazione delle cellule endoteliali.
Conclusioni. I risultati indicano che OSTEOPLANT® ANGIOSTAD, inducendo la produzione di fattori pro-angiogenici, come TGF-β1, e promuovendo la migrazione delle CSM e delle cellule endoteliali, può rappresentare un utile additivo per accelerare l’osteointegrazione dei sostituti dell’osso.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail