Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2008 Marzo;57(3) > Minerva Stomatologica 2008 Marzo;57(3):117-25

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Stomatologica 2008 Marzo;57(3):117-25

lingua: Inglese, Italiano

La chirurgia endoscopica funzionale dei seni paranasali nel trattamento dell’aspergilloma mascellare

Costa F. 1, Polini F. 1, Zerman N. 2, Sembronio S. 1, Toro C. 1, Politi M. 1

1 Department of Maxillofacial Surgery Faculty of Medicine University of Udine, Udine, Italy
2 Department of Oral Pathology Faculty of Medicine University of Ferrara, Ferrara, Italy


PDF  


Obiettivo. Il trattamento dell’Aspergilloma mascellare (AM) è chirurgico e mira all’asportazione completa delle concrezioni micotiche endosinusali e al ripristino di un’adeguata ventilazione. Riportiamo la nostra esperienza nel trattamento dell’AM mediante la chirurgia endoscopica funzionale dei seni paranasali (FESS).
Metodi. Tredici pazienti immunocompetenti con AM sono stati sottoposti a FESS in anestesia generale. Le concrezioni micotiche sono state rimosse per via endonasale attraverso l’ostio naturale chirurgicamente aperto e calibrato per via endoscopica. Non è stata praticata alcuna rimozione della mucosa endosinusale. In un solo caso si è reso necessario un contemporaneo accesso con trocar attraverso la fossa canina per completare l’asportazione. Il follow-up varia da 6 mesi a 4 anni e tutti i pazienti sono stati seguiti con controlli endoscopici in serie per verificare il mantenimento dell’apertura a livello dell’ostio naturale del mascellare.
Risultati. L’esame istologico è risultato positivo per ife di Aspergillo in tutti i pazienti. Le radiografie e i controlli endoscopici postoperatori hanno evidenziato il mantenimento dell’antrostomia eseguita in corso di FESS e l’assenza di degenerazioni polipoidi o recidive. Tutti i pazienti sono risultati asintomatici al follow-up medio di 31 mesi. In nessun caso si è resa necessaria una seconda procedura.
Conclusioni. Il trattamento chirurgico dell’AM mediante FESS appare una procedura sicura e predicabile. La fisiologia sinusale viene preservata nell’eventualità di una futura ricostruzione ossea mascellare a scopo preimplantare.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail