Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2007 September;56(9) > Minerva Stomatologica 2007 September;56(9):461-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Stomatologica 2007 September;56(9):461-7

Copyright © 2007 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese, Italiano

Tiroidite acuta di origine odontogena

Acocella A., Nardi P., Sacco R., Agostini T.

1 Department of Odontostomatology Division of Maxillo-Facial Surgery Faculty of Medicine University of Florence, Florence, Italy 2 Department of Plastic Reconstructive and Esthetic Surgery Faculty of Medicine University of Florence, Florence, Italy


PDF  


Se un ascesso non è in grado di stabilire un drenaggio attraverso la superficie della cute o in cavità orale, può diffondersi attraverso i piani delle fasce del collo e dei tessuti molli. Se l’infezione raggiunge lo spazio submandibolare, può estendersi verso lo spazio laterofaringeo, poi verso quello retrofaringeo e, da qui, attraverso il collo, può coinvolgere la ghiandola tiroidea. Gli Autori descrivono un caso di flemmone submandibolare derivato da un ascesso periapicale inferiore di un premolare che ha coinvolto la ghiandola tiroidea. Il danno provocato alla ghiandola ha determinato il rilascio di un cospicuo quantitativo di ormone tiroideo, causando un quadro di tireotossicosi: febbre, pallore cutaneo, eccessiva sudorazione, tremore, astenia, calo ponderale, aumento di appetenza e tachicardia. Inoltre, l’edema ghiandolare ha causato disfagia e dispnea con tumefazione della tiroide stessa. In seguito ad un appropriato drenaggio dentale, una serie di terapie sono state somministrate per contrastare il quadro tireotossicosico ed evitare recidive: terapia antibiotico e anti-infiammatoria, betabloccante e corticosteroidea. Infine, quando il quadro tireotossicosico si è risolto, è stata ultimata la terapia canalare del dente in oggetto.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail