Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2007 Settembre;56(9) > Minerva Stomatologica 2007 Settembre;56(9):427-43

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Stomatologica 2007 Settembre;56(9):427-43

lingua: Inglese, Italiano

Dispositivi di avanzamento di mandibolare: indicazioni e fattori predittivi del risultato del trattamento. Una review

Cuccia A. M., Caradonna C.

Section of Orthodontics Department of Dental Sciences “G. Messina” University of Palermo, Palermo, Italy


PDF  


La sindrome delle apnee ostruttive del sonno (obstructive sleep apnea syndrome, OSAS) è un disturbo respiratorio cronico del sonno che provoca un’ostruzione parziale o totale del passaggio dell’aria a livello delle vie aeree superiori. I dispositivi di avanzamento di mandibolare (mandibular advancement devices, MADs) oltre a essere usati nel trattamento del russamento, sono una valida alternativa alla nCPAP (nasal continuous positive airway pressure) in alcuni casi di OSAS. La terapia mediante i MADs è oggetto di approfonditi studi e sono molti i centri di terapia del sonno dove lavorano dentisti esperti in materia. I MADs sono strumenti validi perché sono semplici da usare, solitamente ben tollerati, facilmente trasportabili e presentano lievi complicanze. Agiscono aumentando meccanicamente gli spazi orofaringei, avanzando mandibola e lingua e riducendo il collabimento delle pareti faringeali. Esistono più di 60 MADs, con forme notevolmente diverse. Alcuni studi dimostrano che il loro uso costante produce un miglioramento evidente della qualità della vita e dei sintomi dei pazienti con OSAS (specialmente la sonnolenza). Sebbene l’efficacia dei MADs sia stata ampiamente dimostrata, lo stesso non può dirsi sulla previsione della riuscita di un trattamento e la selezione dei pazienti più adatti a tale tipo di terapia. Scopo del seguente lavoro è di fornire informazioni al clinico sui parametri cefalometrici e polisonnografici che possono essere usati per prevedere l’efficacia di una terapia con MADs nell’OSAS. Inoltre vengono esaminati i casi in cui l’utilizzo di tali dispositivi è indicato.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail