Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2007 April;56(4) > Minerva Stomatologica 2007 April;56(4):181-90

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Stomatologica 2007 April;56(4):181-90

lingua: Inglese, Italiano

Il trattamento dell’anchilosi bilaterale dell’articolazione temporomandibolare nell’adulto: nostro protocollo

Turco M. 1, Di Cosola M. 1, Faccioni F. 2, Cortelazzi R. 1

1 Department of Maxillofacial Surgery University of Bari, Bari, Italy
2 Department of Dentistry University of Verona, Verona, Italy


PDF  


Obiettivo. Al fine di valutare l’affidabilità dell’artroplastica di interposizione con lembo miofasciale di muscolo temporale sono stati analizzati retrospettivamente i dati relativi a 5 pazienti affetti da anchilosi temporomandibolare bilaterale trattati con questa tecnica.
Metodi. L’assessment preoperatorio comprende la valutazione del dolore durante la funzione, l’interferenza con l’alimentazione e la distanza interincisiva massima. Tutti i pazienti sono stati sottoposti alla rimozione del blocco osseo anchilotico, all’interposizione di un lembo miofasciale finger-shaped di muscolo temporale nel gap articolare ottenuto e alla successiva copertura con un lembo di fascia temporoparietale per la creazione di una nuova capsula articolare. Nel postoperatorio tutti i pazienti sono stati sottoposti a una intensa fisiokinesiterapia protratta per un periodo di almeno 6 mesi.
Risultati. In tutti i casi si è ottenuto l’eliminazione del dolore (quantificato mediante una Visual Analogue Scale), la normalizzazione della dieta e un incremento della distanza interincisiva in massima apertura della bocca stabile nel tempo.
Conclusioni. Questa tecnica può essere considerata un metodo affidabile sia per evitare la recidiva dell’anchilosi sia per ottenere risultati postoperatori stabili nel tempo.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail