Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2007 Marzo;56(3) > Minerva Stomatologica 2007 Marzo;56(3):139-44

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

Minerva Stomatologica 2007 Marzo;56(3):139-44

 CASI CLINICI

Un raro caso di otorrea sinoviale di natura iatrogena odontoiatrica

Sabatucci A. 1, Procaccini M. 2, Dabobash F. 2

1 School of Orthognathia Department of Odontostomatological Sciences Polytechnic University of Marche, Ancona, Italy
2 School of Odontostomatology Department of Odontostomatological Sciences Polytechnic University of Marche, Ancona, Italy

Gli Autori presentano un raro caso di otorrea sinoviale sinistra in fase masticatoria, incorsa in un paziente di 64 anni in seguito a una prolungata seduta odontoiatrica. L’esame otoscopico e la TC trasversa dell’orecchio hanno rivelato la frattura della parete anteriore del condotto uditivo esterno di sinistra e la presenza di un piccolo frammento osseo a livello del bordo esterno della cavità glenoidea. Tale situazione, al momento, viene giudicata dagli otorini inoperabile, data la stretta relazione dell’area con la testa del condilo sinistro, verosimilmente responsabile della frattura. È stata praticata una terapia basata sull’utilizzo di un bite masticatorio, con lo scopo di aumentare la dimensione verticale delle arcate durante la masticazione e, di conseguenza, portare il condilo in una posizione più avanzata. Il risultato ottenuto è stato la diminuzione e, successivamente, la cessazione della fuoriuscita di liquido nel padiglione auricolare, attraverso un rialzo determinato con metodica ex iuvantibus. Quella descritta è una terapia temporanea, la quale, comunque, potrebbe portare a una riparazione spontanea della frattura, grazie al rialzo masticatorio fornito dal bite; qualora, però, tale eventualità non si verificasse, occorrerebbe fornire al paziente una soluzione protesica fissa. La ricerca in letteratura non ha mostrato osservazioni simili.

lingua: Inglese, Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina