Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2007 Gennaio-Febbraio;56(1-2) > Minerva Stomatologica 2007 Gennaio-Febbraio;56(1-2):63-71

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Stomatologica 2007 Gennaio-Febbraio;56(1-2):63-71

lingua: Inglese, Italiano

Innesto di osso autologo con l’ausilio di PRP (plasma ricco di piastrine)

Rullo R. 1, Festa V. M. 1, Guida L. 2, Laino G. 3

1 Unit of Maxillofacial Surgery Department of Odontostomatological Orthodontic and Surgical Sciences Second University of Naples, Napkles, Italy
2 Periodontics Unit Department of Odontostomatological Orthodontic and Surgical Sciences Second University of Naples, Naples, Italy
3 Unit of Odontostomatological Surgery Department of Odontostomatological Orthodontic and Surgical Sciences Second University of Naples, Naples, Italy


PDF  


Gli innesti ossei alveolari son divenuti una parte essenziale del l’attuale terapia delle schisi orali. I vantaggi di questa procedura risiedono nella stabilizzazione dell’arco mascellare, nell’eliminazione della fistola oro-nasale, nella ricostruzione del supporto ai tessuti molli della base del naso, nella creazione di un supporto osseo per la conseguente eruzione dentaria o, quando non presenti o non preservati, per la applicazione di impianti. Gli autori mostrano un caso di innesto osseo con l’ausilio di plasma ricco di piastrine. A causa delle difficoltà legate alla scisi orale ed alla sua riparazione chirurgica (elevate dimensioni del deficit osseo, profonde cicatrici e sclerosi dei tessuti molli) gli autori hanno deciso di aggiungere il PRP ad un innesto osseo prelevato dal mento. Il PRP contiene una elevata concentrazione di fattori di crescita ed ha la capacità di stimolare la rigenerazione ossea e della ferita. Difatti gli autori hanno notato ottimi risultati sia nell’integrazione dell’innesto osseo quanto nella riparazione dei tessuti molli.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail