Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2007 Gennaio-Febbraio;56(1-2) > Minerva Stomatologica 2007 Gennaio-Febbraio;56(1-2):45-51

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Stomatologica 2007 Gennaio-Febbraio;56(1-2):45-51

lingua: Inglese, Italiano

Estetica ed implantologia: aspetti medicolegali

Santoro V., De Donno A., Dell’Erba A., Introna F.

Section of Legal Medicine Department of Internal Medicine and Public Medicine University of Bari, Bari, Italy


PDF  


L’implantologia, in particolare, presenta numerosi spunti di interesse medico-legale connessi sia alle difficoltà oggettive intrinseche alla materia, sia alle molteplici finalità da soddisfare (funzionali ed estetiche), oltre alla necessità di una piena collaborazione del paziente, fondamentale per la buona riuscita della terapia. È inoltre necessaria una attenta valutazione del singolo caso da parte del clinico, laddove, ad esempio, le esigenze estetiche siano preponderanti, come nei settori frontali, e in tal caso considerare bene l’opportunità di eseguire un intervento di implantologia o di protesi fissa tradizionale, in rapporto alle condizioni anatomiche individuali. Ne scaturisce pertanto la necessità di un’informazione completa da rivolgere al paziente, che dovrà essere edotto delle possibilità di insuccesso terapeutico ovvero delle possibili complicanze, dei limiti delle procedure applicate, della necessità di attenersi scrupolosamente alle indicazioni fornite dal sanitario; la finalità è, ovviamente, quella di rendere il paziente “complice” attivo della riuscita del trattamento sia attraverso il ricorso a un modello informativo estremamente circostanziato sia attraverso una resa d’atto scritta del paziente. Il rischio, tuttavia, è quello di una eccessiva burocratizzazione dell’atto medico nell’ottica di una medicina difensiva che si allontana dal fine principale della medicina tradizionale diretta alla cura del paziente con il quale instaurare un rapporto fiduciario.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail