Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2006 November-December;55(11-12) > Minerva Stomatologica 2006 November-December;55(11-12):627-37

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Stomatologica 2006 November-December;55(11-12):627-37

lingua: Inglese, Italiano

Sintomi otoiatrici nei pazienti con disordini temporomandibolari: esiste l’evidenza di una associazione-relazione?

Salvetti G., Manfredini D., Barsotti S., Bosco M

Unit of Prosthetic Dentistry Department of NeurosciencesUniversity of Pisa, Pisa, Italy


PDF  


Numerosi studi della letteratura hanno investigato l’associazione tra i sintomi otogeni e i disordini temporomandibolari (DTM), sebbene l’ipotesi dell’esistenza di una relazione causa-effetto sia ancora controversa. Dati epidemiologici hanno mostrato che la prevalenza della sintomatologia otoiatrica nella popolazione generale varia dal 10% al 31% ed aumenta dal 7% all’85% nei pazienti con DTM. Alla luce di tali dati, molti tentativi sono stati condotti al fine di descrivere le interazioni fisiopatologiche tra i sintomi auricolari ed i DTM, ma sfortunatamente nella maggior parte degli studi è evidente una debolezza metodologica.
Considerate queste premesse, il presente lavoro revisiona criticamente la letteratura su questo dibattuto argomento, discutendo le principali ipotesi eziopatogenetiche, le caratteristiche della sintomatologia otoiatrica nei pazienti con DTM e le sue relazioni con il trattamento gnatologico, alla scopo di presentare attuali orientamenti circa la relazione tra i sintomi auricolari ed i sintomi DTM.
Suggerimenti per ulteriori ricerche vengono inoltre presentati, dal momento che una completa conoscenza di questa plausibile interazione costituisce un importante fattore nel processo diagnostico e terapeutico per entrambe le patologie.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail