Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2006 Ottobre;55(10) > Minerva Stomatologica 2006 Ottobre;55(10):593-7

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale

Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0926-4970

Online ISSN 1827-174X

 

Minerva Stomatologica 2006 Ottobre;55(10):593-7

 CASI CLINICI

Fibroma centrale ossificante esteso della mascella: descrizione di un caso clinico e di una tecnica chirurgica alternativa

Correia Jham B., Versiani Durães G., Rocha Santos C. R

Department of Oral Surgery and Pathology Universidade Federal dos Vales do Jequitinhonha e Mucuri, Diamantina, Minas Gerais, Brazil

Il fibroma centrale ossificante (central ossifying fibroma, COF) è una lesione osseo-fibrosa contenente tessuto fibroso e tessuto calcificato in quantità variabile. Sebbene la lesione si localizzi preferenzialmente a livello della mandibola, essa può tuttavia essere evidenziata in altre sedi. Solitamente il COF colpisce i pazienti durante la loro terza-quarta decade di vita, con predilezione per i soggetti di sesso femminile. L’area mandibolare premolare-molare rappresenta la sede più comune della lesione. Radiografica-mente, il COF può avere un aspetto radiolucente, radiopaco o misto. Questo articolo descrive un caso di COF esteso della mascella in un paziente di 62 anni di età. L’esame intra-orale ha evidenziato un rigonfiamento con contorni mal definiti a livello dell’area alveolare destra superiore che si estendeva in direzione del palato. La lesione aveva invaso il seno mascellare, la cavità nasale e l’orbita. È stata, quindi, eseguita un’incisione coinvolgente la mucosa, il periostio e un sottile strato osseo. La lesione è stata asportata raccogliendo un lembo e la sutura è stata eseguita con punti staccati. L’osso conservato nel lembo è stato utilizzato come innesto, in modo da favorire la formazione ossea in modo più rapido ed efficace. Il paziente è stato seguito per 5 anni, durante i quali non si sono avuti segni clinici o radiografici di recidiva. Questo articolo dimostra che il COF ha un considerevole potenziale di accrescimento. Inoltre, la tecnica chirurgica qui descritta consente di ottenere risultati cosmetici e funzionali molto buoni, specie quando si devono gestire lesioni di grandi dimensioni.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina