Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2005 Gennaio-Febbraio;54(1-2) > Minerva Stomatologica 2005 Gennaio-Febbraio;54(1-2):91-8

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale

Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0926-4970

Online ISSN 1827-174X

 

Minerva Stomatologica 2005 Gennaio-Febbraio;54(1-2):91-8

 CASI CLINICI

Carico immediato su 4 impianti. Descrizione di un caso

Ban G., Fabbri G., Bolognini B.

Il disagio di gestire la guarigione di impianti in 2 tempi, quando il paziente porta una protesi totale inferiore, insieme all'esigenza per alcuni soggetti di ottenere riabilitazioni che li mettano in condizioni di avere un buon comfort funzionale ed estetico in poco tempo, ha dato grande impulso alla ricerca nel campo del carico immediato. Dai molti dati che affluiscono attualmente sull'argomento, pare che la procedura con 4 impianti interforaminali, qui descritta, sia affidabile e prevedibile, e non comporti una maggior percentuale di impianti persi o un maggior riassorbimento osseo. Nel caso clinico descritto, sono stati inseriti 4 impianti interforaminali con costruzione di una barra e si è dato risalto alla praticità della soluzione protesica adottata che ha permesso di abbreviare notevolmente la terapia e di contenere i costi. Infatti, l'utilizzo della protesi mobile iniziale, sia come dima chirurgica che come cucchiaio individuale e, infine, come restauro definitivo ci ha permesso di abbreviare notevolmente i tempi. Il risultato è stato la trasformazione di una protesi mobile inferiore in una soluzione protesica di maggior comfort e funzionalità. La barra, infatti, si oppone a ogni tipo di movimento e garantisce un totale carico implantare, inoltre previene il riassorbimento osseo così comunemente osservato nei portatori di protesi mobile. E' anche interessante notare come questa procedura abbia il pregio della versatilità, potendo rappresentare un passaggio intermedio verso una protesi più complessa come la protesi a Toronto.

lingua: Inglese, Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina