Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2004 Novembre-Dicembre;53(11-12) > Minerva Stomatologica 2004 Novembre-Dicembre;53(11-12):651-60

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale

Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0926-4970

Online ISSN 1827-174X

 

Minerva Stomatologica 2004 Novembre-Dicembre;53(11-12):651-60

 ARTICOLI ORIGINALI

Livelli sierici di 17-ß-estradiolo e progesterone in pazienti affetti da disordini temporomandibolari

Landi N., Manfredini D., Lombardi I., Casarosa E., Bosco M.

Obiettivo. Considerando l'ipotesi che alcuni tessuti presenti nell'articolazione temporomandibolare (ATM) possono essere un potenziale bersaglio d'azione per gli ormoni sessuali, lo scopo del presente studio è stato quello di valutare i livelli sierici di estrogeni (17-ß-estradiolo) e progesterone in una popolazione di giovani adulti maschi e femmine affetti da forme articolari di disordine temporomandibolare (DTM) in confronto a un gruppo di controllo di soggetti sani.
Metodi. Sono stati inclusi nello studio 35 pazienti con diagnosi di Gruppo I e/o Gruppo II, Asse I secondo i Research Diagnostic Criteria for Temporomandibular Disorders (RDC/TMD), ovvero affetti da dislocazione discale e/o artralgia, osteoartrite o osteoartrosi, reclutati presso la sezione di Protesi Dentaria del Dipartimento di Neuroscienze dell'Università degli Studi di Pisa e 24 pazienti di controllo, comparabili per sesso ed età. In ciascun paziente sono stati valutati i livelli sierici di ormone luteinizzante (LH), ormone follicolo-stimolante (FSH), 17-ß-estradiolo e progesterone con metodo radio-immunologico. Per confrontare i livelli sierici medi di 17-ß-estradiolo e progesterone del gruppo affetto da DTM rispetto ai controlli, è stato utilizzato il T-test, considerando significativi valori di p<0,05.
Risultati. Le concentrazioni sieriche di 17-ß-estradiolo sono risultate significativamente diverse nei 2 gruppi, sia nei soggetti di sesso maschile (p<0,01) che in quelli di sesso femminile in fase luteale (p<0,05). Riguardo ai livelli sierici di progesterone, nessuna differenza è stata individuata fra i 2 gruppi.
Conclusioni. I presenti dati suggeriscono che alti livelli sierici di estrogeni possono essere implicati nella fisiopatologia dei disordini dell'articolazione temporomandibolare, visto che i soggetti affetti da tali patologie mostrano livelli significativamente più alti rispetto al gruppo di soggetti di controllo.

lingua: Inglese, Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina