Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2004 Novembre-Dicembre;53(11-12) > Minerva Stomatologica 2004 Novembre-Dicembre;53(11-12):619-30

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Stomatologica 2004 Novembre-Dicembre;53(11-12):619-30

lingua: Inglese, Italiano

Il controllo del dolore e dell'ansia in soggetti con sindrome di Down

Cetrullo N., Cocchi S.,Guadagni M. G., Piana G.


PDF  


Gli Autori descrivono le tecniche più recenti di controllo del dolore e dell'ansia utilizzabili nei pazienti con Sindrome di Down, in relazione al grado di collaborazione del soggetto e alla valutazione del suo stato generale. La crescente deistituzionalizzazione e il sempre maggiore inserimento nella realtà sociale di questi individui corrispondono ad una maggiore richiesta di cure odontoiatriche. La Sindrome di Down rappresenta quindi una delle disabilità con cui l'odontoiatra ha più probabilità di contatto nel proprio ambulatorio. Il controllo del dolore è uno degli aspetti fondamentali per la costruzione di un rapporto tra il medico e il paziente che acquisisca il significato di un cammino formativo nella convinzione che solo l'assiduità dei controlli possa portare al mantenimento delle salute orale in questi pazienti. L'anestesia locale unita a tecniche psicologiche, quando possibile, rappresenta sempre l'approccio di scelta e solo un livello di collaborazione davvero carente o la necessità di effettuare numerosi trattamenti in una sola seduta porta l'operatore a scegliere la sedazione cosciente o l'anestesia generale. La scelta delle tecnica comunque deve essere fatta considerando attentamente le malattie sistemiche eventualmente presenti, quali cardiopatie congenite e malattie neurologiche tenendo presente che la sedazione cosciente o profonda e l'anestesia generale sono riservate ad un ambiente ospedaliero e richiedono la presenza di un anestesiologo.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail