Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2004 September;53(9) > Minerva Stomatologica 2004 September;53(9):517-26

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Stomatologica 2004 September;53(9):517-26

lingua: Inglese, Italiano

La ''tecnica del piercing''. Una nuova procedura nella chirurgia dei terzi molari inferiori inclusi. Analisi di 802 estrazioni consecutive

Di Dio M., Pierazzi G.


PDF  


Obiettivo. Il nostro obiettivo è quello di razionalizzare la fase odontotomica durante l'estrazione dei terzi molari inferiori. Questo lavoro valuta inoltre gli effetti e le complicanze dopo l'utilizzo della ''tecnica del piercing'' per la chirurgia.
Metodi. Ottocentodue estrazioni consecutive di terzi molari inferiori in inclusione di classe A e B di Pell e Gregory sono state effettuate dallo stesso chirurgo su 506 pazienti utilizzando la ''tecnica del piercing''. L'incidenza degli effetti collaterali e delle complicanze è stata valutata a distanza di 10, 21, 30, 60, 90 e 180 giorni dall'intervento.
Risultati. Nessuno dei pazienti ha avuto lesione del nervo linguale, fratture mandibolari, dislocazioni dell'elemento nei tessuti molli oppure emorragia intra e postoperatoria.
Conclusioni. I dati ottenuti suggeriscono che la ''Tecnica del piercing'' è molto sicura, minimamente invasiva e facile da eseguire nella chirurgia dei terzi molari inferiori in inclusione. Questa procedura chirurgica rappresenta il primo tempo operativo dell'odontotomia e permette di avere sempre un punto di riferimento sul dente da estrarre. Questo riferimento rende l'odontotomia il più simile possibile a quella che abbiamo progettato mentalmente. Con questa tecnica è possibile effettuare anestesie intracamerali nei casi di persistenza della sensibilità dentale. Permette inoltre di avere un punto per l'inserimento di leve effettuando ulteriori piercing sulla superficie del dente.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail