Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2004 Luglio-Agosto;53(7-8) > Minerva Stomatologica 2004 Luglio-Agosto;53(7-8):449-56

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Stomatologica 2004 Luglio-Agosto;53(7-8):449-56

lingua: Inglese, Italiano

Chirurgia cranio-facciale in età pediatrica: il primo anno di esperienza nell'utilizzo di una pistola per posizionare chiodi riassorbibili

Spanio S., Novack E., Gurunluoglu R., Shafighi M., Romansky R., Ninkovic M.


PDF  


Obiettivo. Nel 2001 è stato sviluppato un prototipo di pistola per posizionare chiodi riassorbibili in chirurgia cranio-facciale.
Metodi. Dal maggio 2001 al maggio 2002 questo sistema è stato utilizzato presso l'Ospedale Universitario di Innsbruck, Austria per differenti tipi di cranio-plastica, in 34 bambini, dimostrando la sua affidabilità per l'osteosintesi delle ossa cranio-facciali. I bambini erano affetti per lo più da cranio-sinostosi isolate o sindromiche (Apert, Crouzon) e, in 1 caso, da una neoplasie benigne della volta cranica paritale. L'età variava, al momento dell'intervento, dai 3 mesi ai 204 mesi di vita. I segmenti ossei sono stati fissati usando placche e chiodi auto-rinforzati in polilactide .
Risultati. Una stabile fissazione ossea è stata ottenuta intra-operatoriamente ed il tempo necessario per l'intervento è risultato ridotto di 25-30 minuti rispetto a quei casi nei quali erano state usate placche e viti. Il solo limite di questo strumento è la sua potenza: talvolta l'osso più sottile di 1 mm può essere fratturato posizionando i chiodi.
Conclusioni. Dopo l'esperienza del primo anno possiamo dire che questo strumento riduce, in casi selezionati, i tempi operatori, le perdite ematiche, il rischio di infezione e di conseguenza, i costi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail