Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2004 Giugno;53(6) > Minerva Stomatologica 2004 Giugno;53(6):379-88

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Stomatologica 2004 Giugno;53(6):379-88

lingua: Inglese, Italiano

Tumore epiteliale odontogeno calcificante (tumore di Pindborg). Un caso clinico

Cicconetti A., Tallarico M., Bartoli A., Ripari A., Maggiani F.


PDF  


Il tumore epiteliale odontogeno calcificante (TEOC) o tumore di Pindborg è una rara neoplasia che rappresenta circa lo 0,4-3% di tutti i tumori odontogeni. Questo tumore colpisce più frequentemente gli adulti in età compresa tra 20 e 60 anni, con incidenza massima tra 40 e 60 anni. Nella letteratura odontoiatrica, sono stati descritti circa 190 casi di TEOC. Nel 52% dei casi, il TEOC si associa alla presenza di un dente incluso e/o dislocato dal tumore. Il tasso di recidiva del TEOC primario, dopo escissione radicale del tumore, varia dal 10% al 15% e la sua trasformazione maligna è molto rara. Gli Autori descrivono un caso di TEOC intraosseo primitivo che aveva provocato l'inclusione del 2° molare mandibolare destro, in un paziente di sesso maschile di 24 anni di età. Gli esami radiografici mostravano una lesione osteolitica uniloculare a margini ben definiti, che rigonfiava e riassorbiva l'osso mandibolare, dislocando il nervo alveolare inferiore. Il trattamento chirurgico conservativo è stato eseguito mediante enucleazione del tumore con curettage della parete ossea, apparentemente sana, periferica alla neoplasia, e sbrigliamento del fascio vascolo-nervoso alveolare inferiore che era circondato dalla stessa struttura pseudocapsulare che racchiudeva il tumore. L'esame istologico postoperatorio del reperto bioptico mostrava le caratteristiche di benignità del tipico tumore di Pindborg. La diagnosi differenziale e il trattamento chirurgico sono discussi in relazione alle caratteristiche istologiche del tumore e alla sua localizzazione mascellare o mandibolare.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail