Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2004 Giugno;53(6) > Minerva Stomatologica 2004 Giugno;53(6):325-36

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Stomatologica 2004 Giugno;53(6):325-36

lingua: Italiano

Trattamento dei canali curvi: dall''acciaio inossidabile al nichel-titanio

Migliau G., Turco S., Guida A., Gallottini L.


PDF  


Il trattamento endodontico può essere complicato dalla presenza di curvature canalari che rendono difficoltosi i procedimenti di preparazione e sagomatura e possono portare a inconvenienti iatrogeni: i canali possono avere curvature multiple, lievi o accentuate nella stessa radice. A livello anatomico, la presenza di canali a decorso nettamente curvilineo è un evento più frequente di quanto si creda; in effetti, l'indagine radiografica fornisce una visione bidimensionale e, nonostante consenta di rilevare curvature mesiali o distali, non consente, spesso, di evidenziare quelle in senso orale o vestibolare. Tutti i canali presentano, quindi, qualche curva; anche i canali apparentemente rettilinei sono di solito curvi di qualche grado. Gli Autori ripercorrono il progresso dell'endodonzia, mettendo in evidenza gli sforzi scientifici attuati al fine di superare tali difficoltà. Vengono analizzati gli accorgimenti e le tecniche codificate per ottenere un rendimento più elevato nella preparazione dei canali curvi: successivamente vengono valutati gli strumenti ideati nel corso degli anni, costruiti con disegni e materiali sempre più innovativi e tecnologicamente più avanzati. È diventato, infatti, di fondamentale importanza, per gli endodontisti, realizzare negli anni una metodica specifica per il trattamento dei canali curvi che permettesse una preparazione più ampia e quindi una migliore detersione chemio-meccanica del segmento apicale.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail