Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2004 Maggio;53(5) > Minerva Stomatologica 2004 Maggio;53(5):295-304

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Stomatologica 2004 Maggio;53(5):295-304

lingua: Inglese, Italiano

Trattamento protesico per la rieducazione neuromuscolare di pazienti emimandibolectomizzati. Caso clinico

Branchi R., Fancelli V., Giovannoni A., De Salvador A.


PDF  


Il trattamento chirurgico-radiante per la guarigione di carcinomi che coinvolgano il cavo orale è spesso molto invasivo per limitare il più possibile l''eventualità di una recidiva. L''esito del trattamento combinato è rappresentato da lesioni che si manifestano a carico dei tessuti duri e molli sani oltre che, naturalmente, da una latero-deviazione mandibolare più o meno importante in funzione dell''asportazione di quantità maggiori o minori di osso basale. In alcuni casi è possibile ricostruire chirurgicamente la mandibola mancante mediante innesti di osso e questo comporta una restitutio ad integrum pressoché ottimale dell''arco mandibolare; in altri casi, invece, per motivi legati alla biologia dell''osso e dei tessuti molli, allo stato di salute generale e all''età del paziente, viene preferita una terapia protesica che è certamente meno invasiva anche se meno risolutiva.
La paziente, T. F. di anni 73, è stata sottoposta per un carcinoma della loggia tonsillare destra a svuotamento radicale dei linfonodi del collo e a emisezione della mandibola omolaterale. Un apparecchio-guida è stato realizzato per «guidare» la mandibola residua nella posizione di occlusione centrica fisiologica, e successivamente è stata realizzata una protesi parziale rimovibile di tipo scheletrato come protesi definitiva.
Dopo tre mesi di terapia la paziente è stata in grado da sola di riposizionare con facilità e spontaneamente la emimandibola, con un considerevole miglioramento anche della funzione masticatoria.
La rieducazione neuromuscolare di pazienti emimandibolectomizzati mediante l''utilizzo di una placca guida su protesi rimovibile applicata alla mandibola residua rappresenta una condizione essenziale per la riabilitazione protesica definitiva.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail