Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2004 April;53(4) > Minerva Stomatologica 2004 April;53(4):165-70

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Stomatologica 2004 April;53(4):165-70

Copyright © 2004 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Fattori condizionanti l’incidenza e la severità dell’ipertrofia gengivale indotta da ciclosporina A e possibilità di prevenzione

Bartoli F., Castronovo G., Stabile A.


PDF  


L'ipertrofia gengivale (IG) da ciclosporina A (CsA) è uno degli effetti collaterali ritenuti più importanti e più condizionanti la qualità della vita del paziente in terapia immunosoppressiva. Tale effetto collaterale è stato preso in considerazione da numerosi studi clinici fin dal 1983 e ne è stata rilevata un'incidenza pari al 30% dei pazienti trattati. In letteratura sono apparsi anche numerosi lavori riguardanti il meccanismo cellulare-molecolare attraverso cui la CsA agisce simultaneamente come immunosoppressvo selettivo e induttore di una reazione proliferativa. In questa rassegna vengono prese in considerazione, descritte e discusse brevemente, le variabili collegate all'individuo o all'ambiente che giustificano la differenza di incidenza nonché il grado di severità della IG nei diversi studi; in particolare: età, sesso, variabili farmacocinetiche e di preparazione farmaceutica, predisposizione genetica, associazione con altri farmaci, nonché le condizioni parodontali precedenti il trapianto. Inoltre, viene suggerita una modalità di approccio ai pazienti portatori di questa patologia che generi univocità di vedute e, quindi, di comportamenti rispetto agli interventi di cura e prevenzione.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail