Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2003 September;52(9) > Minerva Stomatologica 2003 September;52(9):435-40

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Stomatologica 2003 September;52(9):435-40

lingua: Italiano

Analisi spettrofotometrica del colore di corone integrali in ceramica in denti ricostruiti con perni in fibra

Bevilacqua L., Cadenaro M., Biasotto M., Di Lenarda R., Dorigo E.


PDF  


Obiettivo. Scopo di questo studio è stata la valutazione dell'influenza dei perni in fibra sul colore dei restauri protesici interamente in ceramica, mediante l'utilizzo dello spettrofotometro Miniscan® XE. I dati sono stati registrati in base al sistema CIEL*a*b* ed è stata calcolata la differenza di colore (DE).
Metodi. I perni utilizzati sono stati i Composipost (RTD) e i Lightpost (RTD). Sono stati preparati campioni quadrati di 12x12 mm utilizzando 9 perni di diametro 1, ricoperti con strati di composito Z100 (3M) di diverso spessore (2, 3 e 4 mm) di colore A3. Sono stati preparati 2 gruppi di piastrelline di uguali dimensioni di ceramica Finesse All Ceramic (3M) colore A3, di 2 e 3 mm di spessore un gruppo con dentina opaca e uno senza.
Risultati. Con spessori di 2 e 3 mm di ceramica non si sono rilevate differenze di colore tra i campioni con perni in fibra di carbonio e quelli con perni in fibra di quarzo. L'utilizzo di uno strato di ceramica opaca non ha determinato differenze tra i campioni.
Conclusioni. In base ai risultati di questo studio, uno spessore di ceramica di 3 mm determina sempre DE<1, indifferentemente dal tipo di perno endocanalare utilizzato. Spessori di ceramica di 2 mm mascherano comunque qualsiasi tipo di perno endocanalare, anche se con valori di DE=±1,6 e sono pertanto clinicamente accettabili.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail