Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2003 Giugno;52(6) > Minerva Stomatologica 2003 Giugno;52(6):309-20

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Stomatologica 2003 Giugno;52(6):309-20

lingua: Inglese, Italiano

Numerosità campionaria negli studi sui disordini temporomandibolari

Manfredini D., Tognini F., Biondi K., Bosco M.


PDF  


Il calcolo della numerosità campionaria necessaria per uno studio è un passo di fondamentale importanza per la validità e l'utilità dei suoi risultati. Tuttavia, come dimostrato in alcuni lavori della letteratura, tale procedimento è spesso trascurato. Pur in carenza di studi in merito, è probabile che tali limiti riguardino anche gli studi sui disordini temporomandibolari. Pertanto, l'obiettivo di questo lavoro è quello di fornire alcune regole per il calcolo della numerosità campionaria necessaria per studi longitudinali e trasversali su tali patologie. Sono stati descritti alcuni esempi di applicazione di tali suggerimenti ai diversi tipi di studi. L'applicazione sistematica di tali regole si rende infatti necessaria per la validità dei risultati. Inoltre, una valutazione del potere statistico degli studi sperimentali sin qui condotti sui disordini temporomandibolari potrebbe essere utile per indagare se le attuali conoscenze su tali patologie, sia in termini epidemiologici che terapeutici, siano effettivamente derivate da lavori con una corretta numerosità campionaria.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail