Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2003 Maggio;52(5) > Minerva Stomatologica 2003 Maggio;52(5):201-10

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Stomatologica 2003 Maggio;52(5):201-10

lingua: Italiano

Overdenture su denti naturali. Analisi dei vantaggi clinici

Scotti R., Melilli D., Pizzo G.


PDF  


La protesi ibrida ancorata a denti naturali (overdenture) è largamente utilizzata nella pratica clinica e dovrebbe essere eseguita ogni volta che le condizioni orali ne consentono l'uso. Attraverso una revisione critica della letteratura, se ne analizzano i vantaggi di tipo anatomico, funzionale, psicologico e clinico. Tra i primi va sottolineata la profilassi strutturale delle componenti anatomiche residue, grazie al contenimento del riassorbimento osseo, e la conservazione della propriocezione sensoriale discriminativa. Importanti benefici sono altresì rappresentati dal migliore rapporto corona-radice dei denti residui di supporto, con conseguente miglioramento della loro prognosi longitudinale. La migliore ritenzione e stabilità dell'overdenture, rispetto ad una protesi totale non ancorata, migliora sensibilmente la qualità della funzione masticatoria. Altrettanto rilevanti sono i vantaggi psicologici derivanti dalla presenza di un ancoraggio dentale, che consente una maggior sicurezza del paziente nelle sua vita di relazione. Qualora, infine, si determini la perdita del supporto dentale, la semplicità e la rapidità di trasformazione di una overdenture in una protesi totale ne facilita notevolmente la manutenzione clinica longitudinale.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail