Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2003 Maggio;52(5) > Minerva Stomatologica 2003 Maggio;52(5):193-200

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Stomatologica 2003 Maggio;52(5):193-200

lingua: Italiano

Tecnologia light-emitting diodes (LED) applicata alla fotopolimerizzazione delle resine composite

La Torre G., Marigo L., Pascarella G. A., Rumi G.


PDF  


Una corretta polimerizzazione delle resine composite può contribuire, in modo significativo, a migliorare i risultati a lungo termine di un restauro: in quest'ambito, risulta cruciale la scelta della tecnica operativa e delle caratteristiche della lampada.
L'obiettivo di questa review è stato quello di valutare l'efficacia di polimerizzazione delle lampade light-emitting diodes (LED) confrontandole con le altre attualmente disponibili per la fotopolimerizzazione delle resine composite.
Al momento, le lampade alogene sono le sorgenti luminose più utilizzate, ma la tecnologia che ne è alla base non può subire ulteriori miglioramenti; le stesse lampade ad arco al plasma e laser presentano indubbi svantaggi.
L'innovativa tecnologia LED, basata sui semiconduttori, ha aperto nuove ed interessanti prospettive in tema di fotopolimerizzazione; ai vantaggi di una polimerizzazione graduale si sommano la sicurezza, l'efficacia, l'economia e le lunghe aspettative di vita della luce LED.
Da un'attenta revisione della letteratura è emerso che, a fronte di una più bassa emissione luminosa, queste lampade consentono una polimerizzazione qualitativamente equivalente ad altre sorgenti di luce.
Le proprietà fisiche e meccaniche, il grado di conversione, la profondità di polimerizzazione e la durezza finale dei compositi polimerizzati con luce LED sono paragonabili ai valori prodotti da quella alogena, mentre l'aumento di temperatura è significativamente minore e non pone in pericolo il tessuto pulpare.
Sono indubbiamente necessari ulteriori studi sulle proprietà meccaniche dei compositi trattati con unità LED ma, col progredire della tecnologia, la polimerizzazione LED diventerà un'interessante alternativa alle metodiche di fotopolimerizzazione esistenti.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail