Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2003 Gennaio-Febbraio;52(1-2) > Minerva Stomatologica 2003 Gennaio-Febbraio;52(1-2):19-24

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Stomatologica 2003 Gennaio-Febbraio;52(1-2):19-24

lingua: Italiano

Valutazioni sperimentali di cinque cementi per uso canalare

Testarelli L., Andreasi Bassi M., Gambarini G.


PDF  


Obiettivo. Una proprietà estremamente importante dei cementi canalari è rappresentata da un adeguato spessore in quanto tali materiali devono riempire i vuoti che si possono formare fra il materiale da otturazione semisolido e le pareti del canale radicolare permettendo così di ottenere una chiusura canalare tridimensionale. Scopo del presente lavoro è stato quello di valutare lo spessore del film presente sulle pareti del lume endodontico di cinque distinti cementi canalari: RSA, Rocanal R4, N2, Bioseal e Acroseal.
Metodi. La valutazione dello spessore del film è stata condotta in accordo con la normativa ANSI/ADA spec. no. 57.
Risultati. Per ciascun materiale testato la prova per lo spessore del cemento endodontico è stata realizzata in sestuplicato. I risultati ottenuti (espressi in micron) sono i seguenti: RSA= 9,3 (±1,01); Rocanal R4= 95 (±12); N2= 50 (±23); Bioseal= 41 (±13,1); Acroseal= 9 (±2,55).
Conclusioni. Dall'analisi dei risultati sono emerse differenze significative fra i diversi materiali testati. In conclusione possiamo affermare che i migliori risultati relativi allo spessore del film di cemento presente a livello delle pareti del lume endodontico sono legati allo RSA e all'Acroseal, che mostrano differenze statisticamente significative rispetto agli altri cementi testati. Anche il Bioseal ha mostrato valori che lo rendono valido nell'impiego clinico. Lo stesso non si può dire né per l'N2, che ha mostrato valori più opinabili, né per il Rocanal R4 che ha fornito risultati maggiori di quelli consentiti dalla normativa utilizzata per la realizzazione del seguente studio.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail