Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2002 Novembre-Dicembre;51(11-12) > Minerva Stomatologica 2002 Novembre-Dicembre;51(11-12):461-72

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale

Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0926-4970

Online ISSN 1827-174X

 

Minerva Stomatologica 2002 Novembre-Dicembre;51(11-12):461-72

 ARTICOLI ORIGINALI

Chirurgia ortognatica. Studio sulle lesioni nervose

Nardi P., Guarducci M., Cervino M.

Obiettivo. La correzione di malformazioni oro-maxillo-facciali presuppone delle tecniche chirurgiche invasive e traumatiche per le strutture nervose del massiccio facciale. Generalmente si ritiene che i deficit neurosensoriali cutanei e mucosi siano reversibili nel giro di 6-12 mesi.
Metodi. Abbiamo inteso verificare, nella nostra casistica operatoria, la presenza e l'entità di tali evenienze e pertanto abbiamo selezionato un gruppo di 95 pazienti sottoposti ad intervento combinato ai due mascellari secondo la stessa metodica. Lo studio ha coinvolto i 70 che si sono presentati; il periodo intercorso dall'intervento variava fra i 2 e 8 anni.
Risultati. È stata dimostrata la presenza di alterazioni della sensibilità sia tattile che dolorifica nel 43% dei pazienti ad una valutazione soggettiva, con presenza di obiettività nel 17% dell'intero campione più evidente all'arcata inferiore. La valutazione della sensibilità dentale a mezzo di pulp test ha mostrato un incremento della soglia per tutti i denti testati, ai superiori in misura maggiore degli inferiori.
Conclusioni. Sebbene gli elementi dentali testati abbiano mostrato un incremento della soglia di sensibilità, a riscontro di una innervazione non del tutto normalizzata, non si sono presentati sintomi o segni di patologia pulpare.
Soddisfazione e qualità di vita del paziente non vengono, anche in presenza di un'alta percentuale di alterazioni soggettive della sensibilità, se non in minima parte, alterate.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina