Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2002 Settembre;51(9) > Minerva Stomatologica 2002 Settembre;51(9):385-90

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Stomatologica 2002 Settembre;51(9):385-90

lingua: Inglese

Mucoceles of the frontal sinus. Clinical and therapeutical considerations

Gavioli C., Grasso D. L., Carinci F., Amoroso C., Pastore A.


PDF  


Obiettivo. Il mucocele è una neoformazione cistica ripiena di muco e tappezzata al suo interno da epitelio che coinvolge i seni paranasali ed è in grado di accrescersi attraverso meccanismi dinamici di rimaneggiamento delle strutture ossee limitrofe. Il trattamento è prettamente chirurgico e, nei casi di localizzazione fronto-etmoidale si avvale a tutt'oggi di una tecnica chirurgica che prevede un approccio per via esterna al seno paranasale coinvolto.
Metodi. Scopo del presente studio è quello di valutare i risultati ottenuti in sette pazienti pervenuti alla osservazione della Clinica Otorinolaringoiatrica dell'Università di Ferrara nel periodo 1989-1999 affetti da mucocele fronto-etmoidale e trattati unicamente con approccio chirurgico per via esterna o combinato con un approccio per via endonasale, ed in particolar modo con lembo osteoplastico.
Risultati. Nessuno dei 7 pazienti trattati con approccio chirurgico per via esterna o combinato e lembo osteoplastico ha presentato complicanze locali o generali nel postoperatorio. Sino ad oggi alcun segno di recidiva è stato riscontrato nel follow-up.
Conclusioni. Anche se oggi, la chirurgia endoscopica ha preso il posto delle metodiche tradizionali microchirugiche per via transnasale, la validità dell'approccio per via esterna con metodo osteoplastico rimane essenziale al fine di ottenere una completa visione della cavità ed una totale radicalizzazione del seno colpito al fine di evitare recidive.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail