Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2002 September;51(9) > Minerva Stomatologica 2002 September;51(9):371-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Stomatologica 2002 September;51(9):371-6

Copyright © 2002 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Valutazione in vitro della stabilità cromatica di materiali compositi di nuova generazione

De Lillo A., Lombardo S., Chiadò Cutin D., Pirri F., Carossa S.


PDF  


Premesse. L'esposizione a irradiazione con luce ultravioletta determina una alterazione cromatica dei materiali compositi utilizzati per i restauri. Lo scopo di questo studio è stato confrontare le variazioni cromatiche indotte dall'invecchiamento in vitro di due materiali compositi di nuova generazione, Tetric Ceram e Targis differenti per matrice resinosa e percentuale di riempitivo inorganico sottoponendoli a processi di invecchiamento artificiale mediante irradiazione con luce ultravioletta.
Metodi. Furono realizzati 5 campioni per ogni materiale, ognuno dei quali venne diviso in due metà, per un totale di 20 campioni, 10 dei quali furono mantenuti al buio e 10 furono sottoposti ad un processo di invecchiamento artificiale. Questo consisteva nell'esposizione per 24 ore ad un fascio di luce ultravioletta. L'effetto dell'invecchiamento fu valutato misurando la percentuale di luce riflessa del campione illuminato mediante telecamera connessa a un microscopio e valutando, mediante software di elaborazione di immagini, la distribuzione dei livelli di rosso, verde e blu.
Risultati. Per entrambi i compositi, i valori relativi ai tre colori erano significativamente maggiori nei campioni non invecchiati che in quelli invecchiati (p<;0,0001). I valori relativi al Tetric Ceram erano significativamente inferiori a quelli ottenuti con Diamond Crown (p<0,0001). Le variazioni dei campioni di Diamond Crown erano significativamente minori di quelle ottenute con il Tetric Ceram.
Conclusioni. Entrambi i compositi mostravano significative alterazioni cromatiche dopo 24 ore di invecchiamento. Il Diamond Crown ha dimostrato una stabilità cromatica all'invecchiamento significativamente maggiore del Tetric Ceram.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail