Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2002 Luglio-Agosto;51(7-8) > Minerva Stomatologica 2002 Luglio-Agosto;51(7-8):341-50

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

NOTE DI TERAPIA  


Minerva Stomatologica 2002 Luglio-Agosto;51(7-8):341-50

lingua: Italiano

Plasma arricchito di piastrine (PRP). Metodi di estrazione e potenzialità d'uso

Pacifici L., Casella F., Maggiore C.


PDF  


In questo articolo sono descritte le varie tecniche di estrazione del PRP o plasma arricchito di piastrine codificate negli ultimi anni e vengono valutate le sue potenzialità di utilizzo.
Il PRP rappresenta infatti una delle metodiche con cui attualmente si cerca di modulare e facilitare la guarigione di una ferita.
L'uso del PRP si basa sul presupposto teorico che concentrando le piastrine si amplificano gli effetti dei fattori di crescita (PDGF, TGF-ß, IGF-I e -II) da esse liberati.
Si è descritta innanzitutto la tecnica originale di Marx, che prevede il prelievo di una unità di sangue (450-500 ml) e l'uso di un separatore cellulare.
Sono state poi analizzate, la tecnica di Marx ed Hannon in cui il quantitativo di sangue prelevato è diminuito a 150 ml, le due tecniche semplificate del gruppo di Sacchi e Bellanda e infine è stata descritta una nuova metodica di estrazione del PRP.
Si è arrivati così alla conclusione che il gel piastrinico permette l'accesso ai fattori di crescita autologhi che per definizione non sono tossici né immunogeni e sono in grado di accelerare i normali processi di rigenerazione ossea.
Il PRP può perciò essere considerato un utile strumento per incrementare la qualità e la quantità finale di osso neoformato negli interventi di chirurgia orale e maxillo-facciale.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail