Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2002 Luglio-Agosto;51(7-8) > Minerva Stomatologica 2002 Luglio-Agosto;51(7-8):319-26

ULTIMO FASCICOLOMINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Stomatologica 2002 Luglio-Agosto;51(7-8):319-26

lingua: Italiano

Monitoraggio ambientale dei rischi infettivi legati all'assistenza odontoiatrica

Monarca S., Grottolo M., Feretti D., Gigola P., Zerbini I., Alberti A., Zani C., Sapelli P. L.


PDF  ESTRATTI


Obiettivo. La contaminazione microbiologica negli studi odontoiatrici riveste un ruolo di primo piano nella valutazione dei rischi infettivi sia per i pazienti che per gli operatori. Scopo del presente lavoro è stato quello di monitorare in una Clinica Odontoiatrica Universitaria e in alcuni poliambulatori di un'ASL la contaminazione microbica ambientale attraverso la ricerca di alcuni indicatori batterici nell'acqua, nell'aria e sulle superfici (servomobile e pulsantiera dei riuniti) e di valutare i potenziali rischi infettivi legati alla pratica odontoiatrica.
Metodi. Il controllo microbiologico dell'acqua è stato effettuato secondo le indicazioni del DPR 236/88 analizzando campioni prelevati dalla fontanella e dalla siringa acqua/aria dei riuniti. Il monitoraggio microbiologico dell'aria è stato condotto mediante l'uso di piastre di sedimentazione valutando l'Indice Microbico Aereo. Il monitoraggio delle superfici è stato effettuato utilizzando membrane filtranti valutando l'accumulo microbico.
Risultati. Dopo aver effettuato il monitoraggio degli ambienti odontoiatrici relativi a otto reparti dotati complessivamente di venti riuniti, si può affermare che la situazione sotto il profilo igienico-sanitario presenta qualche problema relativamente alla qualità dell'acqua distribuita dai riuniti, e pertanto sarebbe auspicabile effettuare monitoraggi periodici e, in caso di contaminazione idrica, sanificare le parti non in monouso e disinfettare il circuito interno. I risultati relativi alla contaminazione dell'aria e delle superfici suggeriscono di ridurre possibilmente i livelli migliorando le attuali procedure preventive.
Conclusioni. Con questa ricerca è stato elaborato ed applicato un programma completo di monitoraggio ambientale dei rischi infettivi, i cui risultati sono stati utili per l'elaborazione di una strategia per il controllo routinario delle infezioni crociate in ambito odontoiatrico.

inizio pagina