Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2002 Maggio;51(5) > Minerva Stomatologica 2002 Maggio;51(5):219-24

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Stomatologica 2002 Maggio;51(5):219-24

lingua: Inglese, Italiano

Approccio chirurgico inusuale in un caso di cisti vestibolare infetta bilaterale della mandibola

Annibali S., Pippi R., Perfetti G.


PDF  


Nella nuova edizione della «Classificazione istologica internazionale dei tumori odontogeni» edita dall'O.M.S. nel 1992, la cisti vestibolare infetta della mandibola, che è associata ai primi o ai secondi molari permanenti, viene compresa tra le cisti paradentali, insieme a quella infiammatoria collaterale, che è invece usualmente correlata al terzo molare inferiore.
Questa lesione coinvolge, al momento dell'eruzione, l'aspetto vestibolare della porzione radicolare dei molari mandibolari la cui polpa sia vitale, in bambini di età compresa fra i 6 e i 10 anni.
L'infiammazione gioca un ruolo importante nella patogenesi di questa cisti, stimolando la trasformazione delle cellule epiteliali odontogene presenti nella porzione superficiale del legamento parodontale.
Gli autori riportano il caso di una bambina di 7 anni con entrambi i primi molari permanenti affetti da cisti vestibolari mandibolari infette, le quali sono state trattate con un diverso approccio terapeutico, costituito a sinistra dalla marsupializzazione e a destra dalla cistectomia.
Il caso presentato è interessante perché è il secondo documentato di localizzazione bilaterale della cisti vestibolare infetta, associata ad un molare permanente non ancora erotto, perché il trattamento terapeutico adottato differisce da quello usualmente suggerito in letteratura e per il lungo follow-up, che testimonia la completa risoluzione della patologia con il recupero dell'integrità dento-scheletrica del soggetto.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail