Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2001 Maggio;50(5) > Minerva Stomatologica 2001 Maggio;50(5):173-82

ULTIMO FASCICOLOMINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Stomatologica 2001 Maggio;50(5):173-82

lingua: Italiano

Analisi al SEM ed al microscopio ottico in luce polarizzata di uno scialolita della ghiandola sottomandibolare

Traini T., Murmura G., Giammaria G., Ciavarelli L., Caputi S.


PDF  ESTRATTI


Obiettivo. La calcolosi salivare è una condizione patologica antica definita da Ippocrate «pietra sottolinguale», essa è ben inquadrata dal punto di vista anatomo-patologico, diagnostico e topografico ma restano ancora dubbi sulla sua patogenesi. L'obiettivo del presente lavoro è quello di correlare gli aspetti micro-morfo-strutturali di uno scialolita di cospicue dimensioni, alle ipotesi litogeniche correnti.
Metodi. Per lo studio è stato utilizzato uno scialolita di 1,1 g rimosso dal tratto iniziale del dotto di Wharton della ghiandola sottomandibolare di destra di un soggetto di sesso maschile di anni 42. Dopo la fissazione in formalina tamponata al 4% e l'inclusione in resina, esso è stato sezionato serialmente in fette da 15-20 µ. Alcune sezioni sono state colorate con blu di toluidina e fucsina acida. Intervento: l'exeresi del calcolo è stata effettuata per via endorale con un intervento di marsupializzazione in anestesia locale. Rilevamenti: sono state effettuate indagini al SEM, con elettroni secondari e retrodiffusi, ed al microscopio ottico a luce polarizzata e trasmessa.
Risultati. Le indagini hanno mostrato la presenza di diversi «core» organici ed una architettura stratiforme concentrica interrotta a tratti da elementi radiali.
Conclusioni. La formazione del calcolo esaminato è associabile a litiasi secondaria di tipo misto per formazione di colloidi e cristalloidi.

inizio pagina