Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2001 Marzo-Aprile;50(3-4) > Minerva Stomatologica 2001 Marzo-Aprile;50(3-4):71-4

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Stomatologica 2001 Marzo-Aprile;50(3-4):71-4

lingua: Inglese

HCV-RNA occurrence in saliva of odontoiatric HCV seropositive patients

Savoldi E., Gargiulo F., Marinone M. G., Favilli F., Callea F., Sapelli P. L., Turano A.


PDF  


Obiettivo. La dimostrazione di HCV-RNA nella saliva di pazienti con epatite C ha fatto supporre che anche la saliva fosse un mezzo di diffusione della malattia.
Metodi. Sono stati prelevati campioni di sangue e di saliva da 32 pazienti sieropositivi per epatite C, curati per problemi odontostomatologici presso la Clinica Odontoiatrica dell' Università di Brescia. Su ogni campione è stata valutata la concentrazione dell'RNA virale con il test Quantiplex HCV-RNA 2.0 Assay (bDNA) della Chiron, nell'Istituto di Microbio-logia dell'Università di Brescia.
Risultati. In tutti i soggetti che presentavano il virus nel siero, esso fu documentato anche nella saliva; il virus fu osservato anche nella saliva di due pazienti con siero indenne. Noi abbiamo supposto che, in questi due casi la concentrazione del virus nel siero fosse inferiore alla soglia di sensibilità del test.
Conclusioni. La saliva si presenta come un mezzo di raccolta facile e non invasivo per gli studi epidemiologici sulla diffusione dell' HCV nell' uomo. Il suo ruolo nella trasmissione dell' epatite C, invece, allo stato attuale delle conoscenze, non è ancora chiarito.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail