Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2001 March-April;50(3-4) > Minerva Stomatologica 2001 March-April;50(3-4):63-70

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Stomatologica 2001 March-April;50(3-4):63-70

lingua: Italiano

Studio al SEM sulla morfologia ed incidenza dei canali laterali nella zona della forcazione molare

Lugliè P. F., Sergente C.


PDF  


Obiettivo. I canali laterali nell'area della forcazione molare potrebbero rappresentare una connessione, ben distante dalla regione apicale tra la polpa e i tessuti parodontali, ed essere percorsi da batteri o tossine sia in senso endodontico-parodontale che in senso parodontale-endodontico. Allo scopo di valutare la morfologia e l'incidenza degli imbocchi dei canali laterali è stata studiata al SEM la zona della forcazione di molari permanenti.
Metodi. Sono stati selezionati 53 molari permanenti. Ciascun campione è stato sottoposto alla prova di microinfiltrazione con il blu di metilene all'1%, sezionato, osservato allo stereomicroscopio ZEISS OPMI 9-FC e al SEM ISI DS 130.
Risultati. Nel 50,94% dei campioni esaminati sono stati osservati imbocchi di canali laterali nella zona della forcazione. Il diametro degli orifizi aveva un valore medio di 130 mm, essi si presentavano di forma ellittica, svasati. I forami talvolta si evidenziavano come estremità di probabili canali unici o duplici, non sempre pervi.
Conclusioni. Alla luce delle osservazioni fatte gli autori consigliano, in corso di terapie canalari, di disinfettare e otturare con cura la camera pulpare e, in corso di gravi parodontopatie, valutare sempre la vitalità degli elementi dentari prima di intervenire chirurgicamente e, quindi, di non scordare per un corretto approccio terapeutico la possibilità di lesioni combinate.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail