Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2000 Novembre-Dicembre;49(11-12) > Minerva Stomatologica 2000 Novembre-Dicembre;49(11-12):521-6

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale

Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0926-4970

Online ISSN 1827-174X

 

Minerva Stomatologica 2000 Novembre-Dicembre;49(11-12):521-6

 ARTICOLI ORIGINALI

Coinvolgimento della regione sottomandibolare nel carcinoma epidermoide del pavimento orale (Studio prospettico di 31 casi)

Junquera L., Albertos J. M., Ascani G., Baladrón J., Vicente J. C.

Obiettivo. Valutare il coinvolgimento (primario o secondario) della ghiandola sottomandibolare nel carcinoma epidermoide del pavimento orale.
Metodi. Si è disegnato uno studio analitico-osservazionale di tipo prospettico su 31 pazienti operati per carcinoma epidermoide del pavimento orale, nel periodo di tempo compreso tra giugno 1993 e gennaio 1996, in un Ospedale di referenza per una popolazione di 1.100.000 abitanti. Le variabili investigate furono: età, sesso, localizzazione del tumore, stadio TNM clinico, tipo di chirurgia applicata (cervicale), evoluzione, n° di linfonodi cervicali positivi, stato della ghiandola sottomandibolare e presenza di adenopatie positive perighiandolari. Il tempo di controllo oscilla tra 48 e 76 mesi Per l'analisi statistica si utilizzò il test di Fisher.
Risultati. Istologicamente si identificarono adenopatie positive nel 34,1% degli svuotamenti latero-cervicali ipsilaterali al tumore. Il numero medio di linfonodi positivi fu di tre (range 1-9). Nel 31,7% degli svuotamenti si identificarono metastasi linfatiche perighiandolari, però in nessun caso si evidenziò interessamento microscopico della ghiandola sottomandibolare, né adenopatie intraghiandolari positive. Nel nostro studio la sensibilità e specificità della esplorazione clinica della regione sottomandibolare furono alte (84% e 88% rispettivamente). La presenza di metastasi cervicali e le dimensioni tumorali condizionarono significativamente la comparsa di recidive.
Conclusioni. Il nostro studio suggerisce che, sebbene le metastasi nella regione sottomandibolare nel carcinoma epidermoide del pavimento orale siano frequenti, il coinvolgimento del parenchima ghiandolare è inusuale.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina