Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2000 September;49(9) > Minerva Stomatologica 2000 September;49(9):393-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Stomatologica 2000 September;49(9):393-8

lingua: Italiano

Considerazioni cliniche ed analisi statistica su 100 pazienti con lichen planus orale

Rossi L., Colasanto S.


PDF  


Obiettivo. Il lichen planus orale (LPO) è una patologia infiammatoria caratterizzata dalla presenza di papule poligonali tendenti alla confluenza, in grado di colpire ogni zona della mucosa orale e di manifestarsi con aspetti assai differenti. Il quadro clinico può essere caratterizzato unicamente da strie biancastre asintomatiche, nella variante papulare, o da lesioni erosive estremamente dolorose ed invalidanti, nella forma erosiva. Obiettivo del presente studio è stato quello di valutare il comportamento della forma reticolare e di quella erosiva del LPO riguardo tre patologie prese in considerazione: epatite B, epatite C, diabete.
Metodi. Sono stati analizzati i dati ottenuti dallo studio di 100 pazienti affetti da LPO (43 M, 57 F), giunti alla nostra osservazione nel periodo novembre 1995 - maggio 1998, presso l'Ospedale G. Eastman di Roma, divisi in due gruppi, gruppo I, con lesioni a carattere papulare, e gruppo II con lesioni di tipo atrofico-erosivo, con o senza concomitante presenza di lesioni papulari.
Risultati. L'analisi comparativa tra i due gruppi, effettuata con il test del chi quadro, corretto con la formula di Yates e utilizzando il test esatto di Fisher, quando necessario, ha mostrato nel gruppo II una età media più elevata ed una maggiore estensione delle lesioni orali (p<0,05). La prevalenza di epatite virale di tipo B è stata del 6% nel totale e del 5% nel secondo gruppo (p>0,05); la prevalenza dell'epatite C è stata del 13% nel totale e dell'11% nel secondo gruppo; la prevalenza del diabete è stata del 10% nel gruppo totale e del 7% nel secondo gruppo (p>0,05). La localizzazione orale più frequente in entrambi i gruppi è stata la mucosa geniena.
Conclusioni. I risultati ottenuti confermano la possibilità di una stretta associazione tra epatiti e LPO ma non hanno evidenziato un rapporto statisticamente significativo tra epatiti e la variante erosiva del LPO.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail