Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2000 Luglio-Agosto;49(7-8) > Minerva Stomatologica 2000 Luglio-Agosto;49(7-8):339-46

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale

Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0926-4970

Online ISSN 1827-174X

 

Minerva Stomatologica 2000 Luglio-Agosto;49(7-8):339-46

 ARTICOLI ORIGINALI

Flogosi orali e materiali dentari: potenzialità di studio tramite citofluorimetria

Tabaj D., Braulin L., Frezzini C., Visintini E., Maglione M., Melato M.

Obiettivo. È nota la potenzialità dei materiali dentari di indurre flogosi del cavo orale e diversi sono i metodi di studio finora elaborati per investigare il problema. Tra questi troviamo esami istologici di polpa e parodonto esposti a materiali dentari, in vivo ed in vitro tanto nell'uomo che nell'animale; altri studi si basano sull'osservazione clinica degli effetti indotti dai materiali dentari. Il nostro obiettivo è stato verificare la possibilità di usare la citofluorimetria per eseguire delle analisi del fluido creviculare al fine di poterne studiare il contenuto di cellule infiammatorie e di mediatori dell'infiammazione.
Metodi. Il fluido creviculare è stato prelevato per aspirazione tramite un ago a punta smussa montato su una siringa da 5 ml, sia da pazienti senza parodontite che da pazienti con parodontite e restauri conservativi eterogenei multipli. È stato adottato questo metodo perché permette di porre le cellule presenti nel fluido in sospensione. Il fluido prelevato è stato sottoposto in parte ad esame citologico ed in parte ad indagine citofluorimetrica.
Risultati. Gli esami citologici hanno evidenziato nei pazienti non parodontopatici la presenza di cellule epiteliali desquamate, colonie di cocchi, bastoncelli e spirochete; nei pazienti parodontopatici si sono evidenziate inoltre cellule infiammatorie. Gli esami citofluorimetrici hanno confermato i risultati di quelli citologici dimostrando che la citofluorimetria è un metodo efficace per lo studio del fluido creviculare.
Conclusioni. La nostra metodica, consentendo l'identificazione di particolari cellule infiammatorie o mediatori dell'infiammazione nel fluido creviculare, potrebbe risultare molto utile per lo studio delle alterazioni indotte da alcuni materiali dentari a livello del solco gengivale.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina