Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2000 Maggio;49(5) > Minerva Stomatologica 2000 Maggio;49(5):227-48

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Stomatologica 2000 Maggio;49(5):227-48

lingua: Italiano

Fisiologia dei neutrofili: ruolo e meccanismi di azione nella risposta immune a livello dei tessuti gengivali

Del Fabbro M., Francetti L., Pizzoni L., Rozza R., Weinstein R. L.


PDF  


I granulociti neutrofili polimorfonucleati (PMN) sono considerati le cellule più importanti della risposta difensiva dell'ospite ad una aggressione batterica. Il loro complesso meccanismo di azione si compone di diverse fasi: rotolamento e adesione labile alle pareti dei vasi sanguigni, adesione stabile all'endotelio attivato nella regione infiammata, diapedesi, chemiotassi, fagocitosi del batterio, che infine neutralizzano rilasciando enzimi idrolitici o producendo sostanze tossiche. Ciascuna di queste fasi è controllata da interazioni tra cellule e numerosi componenti molecolari del sistema immunitario, che generano precisi segnali, riconosciuti ed interpretati dalle cellule stesse. I progressi tecnologici nel campo della biologia molecolare e della immunobiologia hanno recentemente consentito di svelare il ruolo preciso di molteplici fattori coinvolti nella risposta immune, che regolano la funzione dei PMN, mentre nuovi fattori sono stati individuati, di cui non è ancora nota la funzione. Nel processo di adesione all'endotelio, in particolare, sono coinvolte molte classi di molecole (selectine, integrine, ICAM, ecc.), ciascuna delle quali interviene in un momento preciso, ma il cui ruolo non è fine a se stesso. L'adesione primaria delle selectine con i propri ligandi, infatti, può indurre l'espressione delle integrine, generando segnali intracellulari fondamentali per lo svolgimento delle fasi successive. Nelle infezioni parodontali, i PMN che si trovano nel tessuto gengivale si dirigono verso i batteri della placca dentale, lungo un gradiente di specifici fattori chemiotattici (ICAM-1, IL-8) prodotti dall'epitelio giunzionale, essenziale per aiutare i PMN ad orientarsi nel traffico molecolare. Tra i meccanismi posseduti dai PMN per neutralizzare i microrganismi durante l'infiammazione, è stata recentemente evidenziata l'importanza della produzione del monossido d'azoto (NO).

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail