Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Archivio > Minerva Stomatologica 2000 Aprile;49(4) > Minerva Stomatologica 2000 Aprile;49(4):155-62

ULTIMO FASCICOLO   ARCHIVIO   EPUB AHEAD OF PRINT   I PIÙ LETTI


MINERVA STOMATOLOGICA

Minerva Stomatologica 2000 Aprile;49(4):155-62

 

    ARTICOLI ORIGINALI

Dosaggio del mercurio nel liquido amniotico umano

Lugliè P. F., Frulio A., Campus G., Chessa G., Fadda G., Dessole S.

Obiettivo. L'amalgama d'Ag contiene, tra i suoi componenti, il mercurio che, con i suoi derivati organici, è in grado di passare in organi e fluidi biologici. Un aspetto di questo passaggio, che desta preoccupazione e interesse, è la possibilità che possa, superando la barriera placentare, raggiungere il feto.
Scopo del lavoro è la valutazione delle concentrazioni del mercurio totale nel liquido amniotico umano e confrontarle con il numero e l'estensione occlusale delle otturazioni di amalgama d'Ag.
Metodi. Sono state selezionate 56 donne gravide destinate all'amniocentesi. Ogni paziente è stata sottoposta a visita odontostomatologica per individuare numero ed estensione delle otturazioni in amalgama. Nel liquido amniotico le concentrazioni di mercurio sono state determinate con lo spettrofotometro ad assorbimento atomico e tecnica FIAS-amalgama.
Risultati. Le concentrazioni del mercurio nei campioni esaminati variavano da un minimo di 0,00 ng/ml ad un massimo di 2,55 ng/ml, valore medio di 0,44±0,53 ng/ml.
Le correlazioni tra le variabili esaminate sono state valutate calcolando il valore del coefficiente di regressione lineare. Nessuna relazione diretta è stata trovata con la concentrazione del mercurio.
I valori ottenuti sono stati inseriti anche per la costruzione di un modello di regressione logistica che ha evidenziato un valore statistico poco significativo (p=0,05) tra il numero delle otturazioni e le quantità di mercurio, mentre l'estensione occlusale dei restauri è risultata essere in rapporto significativo (p¾0,05) con le concentrazioni del metallo.
Conclusioni. Gli Autori consigliano grande cautela nell'uso dell'amalgama d'argento in corso di gravidanza.

lingua: Italiano


ESTRATTI

inizio pagina