Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2000 April;49(4) > Minerva Stomatologica 2000 April;49(4):149-54

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Stomatologica 2000 April;49(4):149-54

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Studio in vitro delle cellule del legamento periodontale

Galetti R., Benelli A., Bruzzesi G., Consolo U., Filaferro M., Genedani S., Palazzini S., Rasio G., De Pol A.


PDF  


Obiettivo. Scopo della presente ricerca è quello di mettere a punto un protocollo terapeutico in grado di favorire una specifica differenziazione e proliferazione cellulare con conseguente rigenerazione periodontale. Per raggiungere tale obiettivo sono stati utilizzati alcuni composti di cui si ipotizza la capacità favorente la rigenerazione periodontale.
Metodi. Le cellule utilizzate per questo studio sono state ottenute da espianti di legamento periodontale umano. È stata testata la loro capacità proliferativa e differenziativa in presenza di granuli di corallo (350, 500 µ), collagene di tipo I, fattori di crescita (Platelet Derived Growth Factor ‹ PDGF e Transforming Growth Factor ß1 ‹ TGFß1) da soli e variamente combinati fra di loro. L'attività differenziativa è stata valutata con metodo morfologico ultrastrutturale (TEM) e con indagine spettrofotometrica riguardante l'attività di fosfatasi alcalina (ALP).
Risultati. I dati da noi ottenuti dimostrano che i granuli di corallo e tra i fattori di crescita il solo il TGFß1, stimolano l'attività differenziativa delle cellule del legamento parodontale, valutata in base alla capacità di produrre ALP. Questi dati vengono supportati dallo studio al TEM.
Conclusioni. Da tali risultati possiamo ipotizzare un'eventuale efficacia terapeutica in campo parodontale di sostanze promuoventi la proliferazione e la differenziazione cellulare.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail