Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2000 Gennaio-Febbraio;49(1-2) > Minerva Stomatologica 2000 Gennaio-Febbraio;49(1-2):35-40

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Stomatologica 2000 Gennaio-Febbraio;49(1-2):35-40

lingua: Italiano

Lupus eritematoso orale (Descrizione e analisi di 11 casi)

Togliatto M., Carrozzo M., Conrotto D., Pagano M., Gandolfo S.


PDF  


Obiettivo. Scopo di questo lavoro è quello di presentare la casistica di Lupus orale afferita presso l'Unità Operativa di Patologia e Medicina Orale dell'Università di Torino in 15 anni di attività (1984-1998).
Metodi. Gli archivi della Sottosezione di Medicina Orale e Parodontologia dell'Università di Torino nel periodo compreso tra il 1984 e il 1998 sono stati revisionati alla ricerca di casi di lupus con manifestazioni orali in accordo con criteri diagnostici clinici ed istopatologici accettati internazionalmente.
Risultati. Sono stati selezionati 11 pazienti di cui 7 (64%) donne e 4 (36%) uomini con un'età media di 46 anni. In 3 pazienti (27%) è stata posta diagnosi di lupus eritematoso discoide e in 8 (73%) di lupus eritematoso sistemico (LES). Sette pazienti (64%) avevano già una precedente diagnosi di LES, mentre in 4 casi (36%) la diagnosi di lupus fu fatta grazie alle lesioni orali: in uno di questi casi le lesioni orali furono la prima manifestazione clinica significativa di LES. Gli aspetti clinici in 8 casi (73%) sono risultati essere «tipici» per lupus orale, mentre un paziente (9%) presentava lesioni bianche a placca simil-leucoplasiche ed in due pazienti (18%) inizialmente era stata proposta la diagnosi di lichen planus orale.
Conclusioni. Questo studio, se da un lato suggerisce la rarità delle lesioni primitive orali di LE, dall'altro evidenzia che queste spesso possono avere un aspetto clinico atipico, difficile da differenziare soprattutto dal lichen planus orale.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail